Approfondimenti

Covid: una pausa produttiva

Covid: una pausa produttiva

La pandemia è un evento storico senza precedenti per il mondo contemporaneo. Non solo ha preso alla sprovvista paesi, governi e istituzioni ma, per via delle restrizioni e limitazioni dovute al contenimento del virus, si è creata una situazione economica negativa che ormai perdura da diversi mesi e che, come molti esperti indicano, purtroppo influenzerà anche i mesi a venire.

Il marketing non va in stand by

Molte aziende, in questo periodo di pausa forzata da eventi come fiere e saloni, hanno messo in pausa molte attività di marketing correlate agli eventi. Scelte per molti versi inevitabili ma, se ci sforziamo di guardare il bicchiere mezzo pieno, questa pausa può non essere improduttiva, anzi. Abbiamo l’occasione di avere più tempo per organizzare e strutturare quelle attività di marketing, in particolare il digital, per le quali fino ad oggi abbiamo lamentato di non avere tempo e budget. Questo è il momento buono: il marketing non va in stand by, ma cambia prospettive.

Piccole e medie imprese: su cosa puntare

La congiuntura negativa sicuramente avrà dei riflessi sulle vendite di molti settori e sono davvero pochi quelli che possono dirsi al riparo dall’onda lunga della pandemia. Proprio perché questi periodi di crisi insegnano l’importanza della diversificazione, le piccole e medie imprese che hanno magari un progetto nel cassetto possono decidere di investire le proprie forze per avviarlo, oppure possono sfruttare questa pausa per riorganizzare le proprie strategie di marketing, rafforzando la propria presenza online attraverso sito, profili social e magari la creazione di un e-shop.

SITO WEB

Il sito web aziendale dovrebbe riflettere la dinamicità dell’azienda, pertanto se trovate che il vostro sito non vi rappresenti, non sia in grado di accogliere tutte le vostre novità, attività e prodotti o servizi con la velocità con cui voi li create, allora è il momento buono per rivederlo, in parte o in toto. 

Il sito web è sì una vetrina invitante ma è anche una grande opportunità di business, pertanto il posizionamento seo del proprio sito è un aspetto primario e alla base di qualsiasi ulteriore attività di digital marketing.

CAMPAGNE DI WEB ADVERTISING

Molte sono le attività di promozione digitale che si possono avviare e vanno programmate in base ad una precisa strategia marketing che si integri con le altre attività offline e, ovviamente, non possono prescindere dal sito web ed eventuali landing page prodotti. Si tratta di pianificazioni che possono richiedere diverse settimane e a volte anche mesi per essere predisposte, quindi un periodo senza impegni esterni come fiere ed altri eventi può essere rivelarsi molto produttivo sul lato digital. Una volta attivate le strategie, anche in futuro, sarà più facile adattarle a seconda delle proposte commerciali, novità catalogo ecc. Scopri le opportunità a questa pagina.

BRANDING

Last but not least parliamo del branding. Potrebbe essere il momento per mettere mano all’identità aziendale, a partire dal logo, ma non solo. Un restyling in un momento storico come quello che stiamo vivendo veicola energie positive dentro e fuori l’azienda. Oggi il branding si comincia a fare dall’interno e rivitalizzare il proprio marchio diventa un modo per esplicitare le forze propositive dell’azienda. La voglia di rilanciarsi deve partire anzitutto dal management, coinvolgere i dipendenti e coloro che sanno fare squadra, per poi riflettersi all’esterno alla forza vendita, i distributori e via via fino al cliente finale. E ancora diventa l’opportunità per fare storytelling, per ricostruire il percorso fatto e lanciarsi con fiducia verso il futuro. (Approfondimenti sul brand design a questo link)

Poi da cosa nasce cosa e spesso, con l’occasione del restyling, si mette mano al catalogo e a tutti i materiali promozionali che possono essere aggiornati e magari trasformati in strumenti digitali più facilmente fruibili e con maggiore appeal come cataloghi sfogliabili, App, video e infografiche ecc.

RIPENSARE I LUOGHI DI LAVORO

Dopo mesi di videoconferenze torneranno le riunioni in presenza. Andate pressoché in disuso, molte sale riunioni, nonché gli showroom e gli uffici potrebbero aver bisogno di qualche cambiamento o, in alcuni casi, di una vera rivoluzione. Contrariamente alle nostre case, questi locali sono stati semi deserti per mesi e ora hanno bisogno di essere rivalutati e probabilmente anche re-interpretati per assolvere meglio ai bisogni emergenti del personale aziendale. Se la casa per necessità si è trasformata in ufficio, ora l’ufficio ha bisogno di dimostrare di essere più confortevole rispetto al passato, per tutti gli avventori, che siano colleghi o clienti. L’ufficio moderno deve avere un angolo coffee & snack ben attrezzato, qualche comodo divanetto e anche un’area svago, il così detto spazio di breakout : tavolo ping pong, calcio balilla, una sala proiezioni/tv oppure una postazione play station. In molte location gli spazi non mancano, serve solo attrezzarli e saranno un successo garantito. Testimonieranno meglio di qualsiasi parola una nuova visione aziendale che punta alla socialità come pietra fondante di quelle relazioni interpersonali e professionali capaci di affrontare le nuove sfide che il futuro ci riserva. Il nostro studio si avvale della consulenza di architetti per lo studio e la personalizzazione di spazi sociali aziendali, realizzabili anche con piccoli budget.